Test intolleranze alimentari


Test intolleranze alimentari EAV

Sempre più persone oggi, lamentano disturbi, digestivi e non, legati all’alimentazione. Le intolleranze alimentari continuano ad aumentare; c’è una diffusa cattiva digestione del cibo, un’ alterata assimilazione dei nutrienti e spesso una scarsa eliminazione delle scorie.

I sintomi più comuni delle intolleranze alimentari sono gonfiore, addominale e generalizzato, ritenzione idrica, mal di testa, nausea, alterazioni della funzionalità intestinale, stanchezza cronica…

Individuare gli alimenti che non riusciamo a metabolizzare facilmente e allontanarli per un periodo dalla nostra dieta, aiuta a disintossicare l’organismo, a riequilibrare le funzioni digestive, a sgonfiarsi e ad avere un maggiore senso di benessere generale.

Il Test EAV, unitamente a un colloquio approfondito può aiutare a individuare questi alimenti. E’ un test non invasivo e indolore.
Si testano circa 200 alimenti (praticamente tutti quelli che comunemente mangiamo).

Il test  EAV misura la conducibilità dei punti di agopuntura e,  grazie al livello di risonanza fra il segnale elettromagnetico emesso da una sostanza, o alimento, e il punto del meridiano, è in grado di valutare la risposta dell’organismo in termini di maggiore o minore “tolleranza”

Durante il test, tramite il colloquio, approfondiremo la situazione di salute generale, i disturbi, eventuali malattie e uso di farmaci, le abitudini alimentari, lo stile di vita e la parte emozionale, argomenti fondamentali per interpretare meglio possibile i risultati del test e per valutare quale piano alimentare e quali rimedi naturali sono adatti per migliorare lo stato di salute e benessere.

Attenzione: il test non si può effettuare in presenza di pacemaker o altri dispositivi metallici interni, in gravidanza e in caso di epilessia.

Informazioni e appuntamenti: info@linarobertagueli.com

P.s. Fissato l’ appuntamento, ricorda di sospendere l’uso di caffè, tè, coca cola e altre bevande eccitanti, almeno 24 ore prima del test (altrimenti i risultati del test saranno falsati).
La stessa cosa vale per l’uso di un farmaci come antipiretici, antidolorifici e antibiotici (mantenere gli eventuali farmaci abituali).
Bevi tanta acqua dal giorno prima del test.                                                        Segui un’alimentazione leggera per circa una settimana prima del test.